Salute Orale e Sigarette: come incide il fumo sul benessere del cavo orale?

Salute Orale e Sigarette: come incide il fumo sul benessere del cavo orale?

Ormai è risaputo che fumare ha molti effetti negativi sulla salute generale: può causare innumerevoli danni all’apparato respiratorio e a quello circolatorio. Spesso, anche molti disturbi legati al benessere del sorriso sono causati dal fumo. 

Sono la Dott.ssa Caira e in occasione della Giornata Mondiale della Lotta contro il Fumo vorrei parlarvi dei danni che le sigarette provocano alla salute orale.

In primo luogo è molto comune che i fumatori soffrano di alitosi: le sostanze contenute all’interno delle sigarette vengono assorbite dalle mucose della bocca producendo un cattivo odore. In questi casi, è ancora più importante prendersi cura quotidianamente del sorriso spazzolando i denti tre volte al giorno.   

Un altro problema che possiamo riscontrare è la secchezza delle fauci. Infatti, quando si comincia a fumare, le ghiandole salivari producono una maggior quantità di saliva. Questo meccanismo si riduce nel tempo, provocando il problema opposto, ovvero la secchezza delle fauci. Una bocca costantemente secca è un ambiente ideale per la proliferazione dei batteri, spesso causa del cattivo odore e della comparsa di carie

Il fumo può creare anche alcuni inestetismi come le macchie sui denti, causate dal catrame presente all’interno delle sigarette. Anche se ci prendiamo cura quotidianamente del sorriso, l’unico modo per rimuovere le macchie sullo smalto dentale, è attraverso una seduta di igiene orale professionale o più comunemente chiamata pulizia dei denti.

Purtroppo il fumo è spesso causa di patologie più gravi come la parodontite o il cancro orale

La parodontite si manifesta con un’infezione gengivale che può arrivare a colpire la struttura ossea e i denti, fino a causarne la perdita. Anche se il fumo non causa direttamente questa malattia gengivale, secondo una ricerca svolta dal “Centers for Disease Control and Prevention”, i fumatori hanno il doppio delle probabilità di soffrire di parodontite rispetto a un non fumatore. 

Il cancro orale, invece, è una malattia che riguarda la mutazione delle cellule del cavo orale causata dalla continua esposizione delle mucose alle sostanze nocive contenute all’interno delle sigarette. Secondo una ricerca effettuata dall’Università della California, otto persone su dieci che soffrono di cancro orale sono fumatori.  

Il fumo può incidere negativamente se dobbiamo sottoporci ad un intervento di chirurgia orale, come il posizionamento di un impianto o l’estrazione di un dente, favorendo lo sviluppo di infezioni e ritardando il processo di guarigione. Il miglior modo per assicurarsi il successo di un intervento è smettere completamente di fumare, in alternativa è consigliato aspettare almeno due mesi prima di riprendere.

Negli ultimi anni sono state condotte alcune ricerche per indagare l’effetto delle sigarette elettroniche sulla salute orale. Secondo i risultati ottenuti dai campioni salivari, le persone che fumano la sigaretta elettronica presentano gli stessi batteri delle persone che fumano le sigarette tradizionali. Questi risultati dimostrano che anche le sigarette elettroniche possono portare a sviluppare malattie gengivali come la parodontite. 

Anche se può sembrare scontato, è bene ripetere che smettere di fumare è il modo migliore per evitare di incorrere in questi problemi. Passa in Studio per effettuare una visita di controllo, in questo modo terremo monitorato lo stato di salute di bocca, denti e gengive.  

___

Informazioni pubblicitaria ai sensi della legge 248/2006 e 145/2018- Direttore Sanitario Dr.ssa Manuela Caira Iscrizione all’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Cuneo n° 553